Media and Stories |
Comunicati stampa

Avio risultati esercizio 2019: prosegue la crescita di utile tetto e cassa

25.03.20
results
  • Ricavi netti: 368,7 milioni di Euro (-5% rispetto al 2018)
  • EBITDA Reported: 42,6 milioni di Euro (invariato rispetto al 2018)
  • EBIT Reported: 26,5 milioni di Euro (-7% rispetto al 2018)
  • Utile netto: 27 milioni di Euro (+5% rispetto al 2018)
  • Portafoglio Ordini: 669 milioni di Euro (-24% rispetto al 31 dicembre 2018)
  • Posizione Finanziaria Netta: +57,9 milioni di Euro (+18% rispetto 31 dicembre 2018)
  • Misure straordinarie in relazione all’emergenza Covid-19:
    • Ottenuta autorizzazione prefettizia per continuazione attività industriale ex. Art.1 lettera h) del DPCM 22 Marzo 2020
    • Proposta di destinazione integrale degli utili 2019 a riserva portata a nuovo
    • Guidance 2020 da definirsi in occasione dell’approvazione della relazione semestrale 2020

Roma, 25 marzo 2020 – Il Consiglio di Amministrazione di Avio S.p.A. ha esaminato e approvato oggi il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato di Avio S.p.A. al 31 dicembre 2019.

Avio, Società leader nel settore aerospaziale quotata al segmento STAR di Borsa Italiana, ha chiuso il 2019 con ricavi netti pari a 368,7 milioni di Euro, in calo del 5% rispetto all’esercizio precedente e leggermente inferiori a quanto previsto dalla Guidance per il 2019 pari a 380-405 milioni di Euro. La diminuzione dei ricavi è principalmente legata al rallentamento di alcune attività di produzione e sviluppo in conseguenza della failure di Vega verificatasi a Luglio 2019.

L’EBITDA Reported, pari a 42,6 milioni di Euro, è stabile rispetto all’esercizio precedente ed in linea con la Guidance per il 2019, pari a 42-44 milioni di Euro, per effetto della riduzione dei contributi fiscali per attività di Ricerca e Sviluppo, in parte compensati da alcuni contributi positivi connessi alle revisioni prezzo di contratti commerciali e dalla riduzione dei costi non ricorrenti.

In crescita l’utile netto pari a 27 milioni di Euro (+5% rispetto ai 25,8 milioni di Euro del 2018) grazie anche alla contribuzione finanziaria (contributo positivo all’utile per 0,5 milioni di Euro rispetto a -0,7 milioni di Euro del 2018), dovuta principalmente a proventi finanziari da rimborsi di crediti fiscali.

Il portafoglio ordini, pari a 669 milioni di Euro al 31 dicembre 2019 è leggermente inferiore alle indicazioni di Guidance (700-775 milioni di Euro) per il differimento di parte del primo ordine di produzione dei primi 14 propulsori P120 al 2020. Il portafoglio ordini non include ancora i contratti con l’ESA stabiliti nella Conferenza Ministeriale di Siviglia del Novembre 2019 di circa 490 milioni di Euro e la cui contrattualizzazione è prevista tra il 2020 e il 2021.

Migliora la Posizione Finanziaria Netta a +57,9 milioni di Euro (+18% rispetto ai 49,1 milioni di Euro al 31 dicembre 2018) grazie all’apporto di cassa conseguente al miglioramento della performance operativa, al contributo dei crediti di imposta per attività di Ricerca e Sviluppo e per incasso di pregressi crediti IVA, nonostante l’aumento degli investimenti (28,6 milioni di Euro rispetto a 22,9 milioni di Euro del 2018). Si evidenzia inoltre il pagamento dei dividendi nel mese di maggio 2019 nella misura di 0,44 Euro ad azione (circa 11,6 milioni di Euro complessivi) e le operazioni di acquisto di azioni proprie per circa 2,7 milioni di Euro al 31 dicembre 2019.

Relativamente all’emergenza sanitaria conseguente alla diffusione del virus Covid-19, che ha portato il Governo Italiano a stabilire diverse limitazioni per legge allo svolgimento di molte attività produttive, si comunica che Avio ha ottenuto in data 24 Marzo 2020 l’autorizzazione prefettizia a proseguire le attività industriali ex. Art.1 lettera h) del DPCM 22 Marzo 2020. Nel frattempo restano temporaneamente sospese fino a nuove disposizioni le attività nella base di Kourou in Guyana Francese per le operazioni di lancio a seguito delle misure adottate dal Governo Francese.

Il Consiglio di Amministrazione di Avio S.p.A., in considerazione dell’attuale imprevedibilità dei potenziali effetti economico-finanziari legati alla diffusione del Covid-19, ha ritenuto opportuno, in via prudenziale ed al fine di rafforzare ulteriormente la struttura finanziaria della Società, di proporre alla prossima Assemblea degli Azionisti del 6 maggio p.v. la destinazione integrale dell’Utile d’esercizio 2019 a riserva Utili portati a nuovo. Il Consiglio si riserva di valutare la situazione specifica e le prospettive in occasione della chiusura della relazione semestrale nel settembre 2020.

Per ciò che riguarda l’evoluzione prevedibile della gestione, la Società ritiene che non sia ancora oggi possibile stimare quantitativamente l’impatto che tale epidemia avrà nel corso dell’esercizio. Tuttavia, nell’attuale contesto non si può escludere un possibile effetto negativo nel breve termine in termini di parziale rallentamento nello svolgimento delle attività anche a causa delle misure contenitive e restrittive adottate o in fase di adozione dalle diverse autorità governative in Europa e nel resto del mondo (in particolare per il fermo della base di lancio a Kourou). La Società conferma comunque che sta già adottando azioni e misure operative ed economico-finanziarie volte a mitigare l’impatto di tale scenario nel breve e medio periodo.

Per le ragioni di cui sopra, il Consiglio di Amministrazione ha ritenuto opportuno non fornire una guidance quantitativa per il 2020, almeno prima dell’approvazione dei risultati del primo semestre 2020.

Si comunica inoltre che il Top Management, sempre per le ragioni di emergenza legate al Covid-19, ha comunicato al Consiglio di Amministrazione di voler differire al 2021 il pagamento del proprio bonus di incentivazione a lungo termine. In parallelo, il Consiglio di Amministrazione ha approvato un nuovo piano di incentivazione pluriennale per il management nel quale sono stati introdotti, per la prima volta anche parametri ESG, con l’obiettivo di focalizzare la gestione anche verso la sostenibilità dell’impresa. Il Consiglio di Amministrazione ha altresì deliberato due donazioni per complessivi 500,000 Euro, a favore rispettivamente dell’Ospedale di Kourou (in Guyana Francese) e alla Protezione Civile di Colleferro al fine di aiutare a contrastare l’emergenza Covid-19.

"Il 2019 ha consolidato ulteriormente un trend pluriennale di crescita di utili e cassa malgrado le difficoltà conseguenti alla failure di un volo Vega occorsa nel mese di luglio scorsoha detto l’Amministratore Delegato di Avio, Giulio Ranzo.
“La diffusione del virus Covid-19 è un’emergenza globale la cui durata e i cui effetti sull’economia non sono ancora in questo momento completamente prevedibili. Per tali ragioni, con il Consiglio di Amministrazione, abbiamo deciso per il momento di non distribuire dividendi e di non pagare i bonus pluriennali al Management, al fine di proteggere il più possibile la posizione finanziaria della società.  La situazione specifica e le prospettive, anche in relazione a future distribuzioni di dividendi, saranno rianalizzate in occasione della chiusura della semestrale quando gli impatti globali dell’emergenza saranno più chiari. Nel frattempo la priorità di gestione rimane quella di garantire alla Società sostenibilità di lungo termine, proteggendo la disponibilità finanziaria per continuare a investire e prepararsi al futuro con nuove tecnologie e prodotti.”

Latest News