È il primo lancio di un satellite marocchino

 

Colleferro, 8 novembre 2017 – Vega, il lanciatore europeo ideato, progettato e realizzato da Avio, ha portato a termine con successo la sua undicesima missione consecutiva consolidando ulteriormente il primato mondiale in termini di precisione e affidabilità. Nella sua terza missione del 2017 Vega ha messo in orbita il satellite MOHAMMED VI-A, un satellite per l’osservazione della terra realizzato da Thales Alenia Space e Airbus per il Marocco.

La missione è partita dal centro spaziale di Kourou, in Guyana francese, il 7 novembre alle ore 22:42 (le 02:42 dell’8 novembre in Italia).

Vega continua il suo track-record di successi consecutivi – ha commentato Giulio Ranzo, Amministratore Delegato di Avio. – Siamo orgogliosi di aver contribuito a dare accesso allo Spazio ad un nuovo Paese, il Regno del Marocco. Questo risultato, che conferma l’efficacia della collaborazione con Arianespace e con i partner industriali europei”.

L’elevato livello di fiducia presso i clienti, peraltro, ha portato Arianespace a siglare recentemente un nuovo contratto per sei lanci di Vega e quattro di Vega C, per un totale di dieci voli tra il 2019 e il 2021 – ha aggiunto Ranzo. Nel frattempo nei nostri stabilimenti di Colleferro, continuiamo a sviluppare lanciatori sempre più performanti: dopo aver completato anche il secondo involucro del P120, siamo pronti per il tiro al banco del primo motore Z40, secondo stadio del Vega C”.

Vega

Vega è il lanciatore europeo progettato, sviluppato e realizzato in Italia da Avio attraverso la controllata ELV (partecipata al 30% da ASI). È un vettore di ultima generazione studiato per trasferire in orbita bassa (tra 300 e 1.500 km dalla terra) satelliti per uso istituzionale e scientifico, per l’osservazione della terra ed il monitoraggio dell’ambiente. Finanziato per il 65% dall’Italia e realizzato nello stabilimento Avio di Colleferro, nei pressi di Roma, Vega è in grado di mettere in orbita satelliti di massa fino a 2000 kg e completa la famiglia dei lanciatori europei.

> Scarica il comunicato stampa



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi