AVIO riunisce in Italia i cervelli dello spazio europeo

“Non tutti i cervelli fuggono dall’Italia: ne siamo testimoni oggi a Colleferro.” ha dichiarato l’amministratore delegato di AVIO Giulio Ranzo, commentando la presenza a Colleferro, alle porte di Roma, di un centinaio tra i maggiori esperti europei di lanciatori spaziali per un progetto che vede il Gruppo AVIO in un ruolo guida sia per i nuovi motori spaziali sia soprattutto per il lanciatore orbitale VEGA C.

“Grazie ai finanziamenti del MIUR e dell’Agenzia Spaziale Italiana” ha ancora detto Ranzo, “abbiamo la responsabilità di guidare il lavoro del consorzio europeo che, sotto l’egida dell’Agenzia Spaziale Europea, sviluppa una versione ancora più avanzata e potente del lanciatore orbitale VEGA. Dopo i primi sei lanci perfetti, il VEGA è già considerato il migliore vettore della sua categoria a livello mondiale. Ma, in un settore in cui gli sviluppi richiedono anni di lavoro, siamo subito partiti a svilupparne ulteriori miglioramenti. Siamo orgogliosi di meritare la fiducia del nostro Paese, e di poter così contribuire a mantenere in Italia livelli di competenza tecnologica che tutto il mondo ci invidia”.

Il Gruppo AVIO infatti, attraverso ELV (70% AVIO, 30% ASI) in qualità di Prime Contractor del futuro lanciatore VEGA C, ospita presso la Sede di Colleferro (Roma) il secondo incontro della Preliminary Design Review (PDR), tappa molto importante nell’ambito del programma VECEP (VEga Consolidation and Evolution Program) per lo sviluppo del futuro lanciatore.

“Lo sviluppo di un sistema complesso che richiede anni e centinaia di migliaia di ore di progettazione e sperimentazione, viene suddiviso in un certo numero di fasi consequenziali”, spiega Pierluigi Pirrelli, Amministratore Delegato di ELV, la società che il Gruppo AVIO (70%) ha costituito allo scopo con l’Agenzia Spaziale Italiana (30%). “Al termine di ciascuna fase il gruppo di progetto si sottopone volontariamente al severo esame di esperti esterni, che, non partecipando in prima persona alle attività, apportano il contributo da un punto di vista più oggettivo. L’esame al quale ci sottoponiamo è iniziato circa un mese fa, quando abbiamo sottoposto, in maniera controllata e riservata, più di un centinaio di documenti tecnici che spiegano le motivazioni delle scelte sin qui effettuate. Gli esperti europei hanno obiettato e criticato mentre noi abbiamo argomentato e giustificato. Oggi tiriamo le fila di questo lavoro congiunto in modo da arrivare serenamente alle correzioni che sono davvero utili. Scopo di tutto ciò acquisire la massima confidenza nella bontà delle nostre scelte per assicurare il pieno successo del nuovo lanciatore VEGA C.”

Lo sviluppo del VEGA C è stato approvato il 2 dicembre 2014 durante la Conferenza dei Ministri degli Stati membri dell’Agenzia Spaziale Europea. Nel corso della stessa Conferenza è stato approvato anche lo sviluppo del lanciatore Ariane 6 e del motore P120 C, che sarà comune a VEGA C ed Ariane 6. Il Gruppo AVIO partecipa al programma spaziale europeo approvato nel 2014 con la responsabilità dell’intero lanciatore VEGA e del nuovo motore P120 che equipaggerà sia il VEGA C sia Ariane 6.

Scarica il comunicato



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi